Il sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per la propria funzionalità. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy | Chiudi avviso

Homepage / Emergenza COVID-19 (Coronavirus) / Riunioni di Coordinamento

Emergenza COVID-19

Videoconferenze con Associazioni di categoria e Istituzioni locali per confronto sulla crisi economica legata all’emergenza sanitaria e ricerca di strumenti di contrasto        

Il Segretario generale e il Presidente, dalla fine del mese di marzo, hanno introdotto la modalità della videoconferenza per dialogare settimanalmente, all'inizio con le sole associazioni di categoria, e in seguito anche con le prefetture, i presidenti di alcune Camere di Commercio italiane all'estero e altri soggetti (istituzionali e non), sulle problematiche legate all’emergenza sanitaria in atto, le forti ricadute sul sistema economico locale, le forme di collaborazione avviate e le misure di supporto individuate.

In tutte le riunioni è stato possibile per i direttori e presidenti delle associazioni di categoria portare la voce dei loro associati, sottolineare la difficile situazione in cui versano, sollevare preoccupazione anche per le conseguenze psicologiche e sociali della crisi, dimostrarsi disponibili a ripartire nel pieno rispetto delle regole sulla sicurezza dei lavoratori.

Gli incontri, con il passare delle settimane, sono diventati uno strumento nevralgico per rafforzare il ruolo di coordinamento della Camera e ne hanno confermato la centralità, permettendo ai rappresentanti del mondo economico di incontrare le istituzioni locali (quali prefetture e comuni) e altri soggetti del sistema camerale allargato o che opera all’estero, e intrecciare con essi collaborazioni molto utili alla ripresa.

Riunioni 

27.03.2020 | 03.04.2020 | 10 e 14.04.2020 | 28.04.2020 | 05.05.2020 | 24.06.2020

27 marzo 2020

Le prime videoconferenze sono state organizzate in data 27 marzo: di mattina con direttori e presidenti delle associazioni di categoria della provincia di Treviso e di pomeriggio con quelli della provincia di Belluno.

In entrambe le riunioni è emersa la forte preoccupazione per gli effetti devastanti della crisi e la richiesta di incisivi interventi di sostegno, da parte dell’Ente camerale. A fronte di queste richieste, il Segretario generale e il Presidente hanno anticipato le misure di supporto programmate e la loro entità. In aggiunta, è stato offerto il quadro delle iniziative allo studio sia del Governo che della Regione del Veneto.

3 aprile 2020

Le successive videoconferenze si sono tenute il 3 aprile. La mattina vi hanno preso parte, oltre agli organizzatori, il Prefetto di Treviso, i direttori e presidenti delle associazioni di categoria della provincia di Treviso, nonché il Segretario generale della Camera di commercio italiana in Germania.

L’intervento del Prefetto è servito ad evidenziare l’importanza della collaborazione con l’Ente camerale, le associazioni di categoria e le organizzazioni sindacali, per garantire una rapida istruttoria delle numerose comunicazioni/richieste di autorizzazioni pervenute in seguito all’introduzione delle misure del DPCM del 17 marzo 2020.

La partecipazione del Segretario della Camera di commercio italiana in Germania ha invece permesso un proficuo confronto tra le due realtà, in quanto è stata offerta una panoramica degli interventi del Governo tedesco a sostegno degli imprenditori e dei lavoratori,  fortemente colpiti dalla crisi.

Di pomeriggio la riunione ha visto la partecipazione degli organizzatori, del Vice Prefetto di Belluno, dei direttori e presidenti delle associazioni di categoria della provincia di Belluno, nonché dei Presidenti delle Camere di commercio italo-americane di New York e Los Angeles.

Questi ultimi hanno portato la loro testimonianza e si sono resi disponibili a supportare le imprese italiane che ne facciano richiesta.

10 e 14 aprile 2020

Il quinto appuntamento in videoconferenza è stato organizzato per il 10 aprile con direttori e presidenti delle associazioni di categoria della provincia di Belluno, e vi ha preso parte anche il  Segretario generale della Camera di commercio italiana in Germania, per aggiornare sulla situazione in atto. In tale riunione il dr. Tiozzo e il Presidente Pozza hanno informato i partecipanti sui contatti avuti nei giorni precedenti, anche a livello nazionale e regionale, e illustrato il programma degli interventi di sostegno del credito e dell’economia in generale, da portare all’attenzione dei membri di Giunta nella successiva seduta.

All’appuntamento del 14 aprile erano presenti, oltre agli organizzatori, il Prefetto di Treviso, i direttori e presidenti delle associazioni di categoria della provincia di Treviso, alcuni consiglieri e, i presidenti delle Camere di commercio italo-americane di New York e Los Angeles.

Il Prefetto ha ringraziato per la collaborazione ricevuta e richiesto ulteriore supporto, anche nel diffondere le regole per l’invio delle comunicazioni delle imprese alla Prefettura. Ha infine delineato il nuovo quadro delle misure di contenimento, dopo l’emanazione del DPCM del 10 aprile.

Il Segretario generale e il Presidente hanno illustrato il ventaglio delle misure da sottoporre all’approvazione dei membri di Giunta nella successiva seduta.

Infine sono intervenuti i due ospiti di New York e Los Angeles, che hanno spiegato gli strumenti anticrisi messi in atto negli USA e fornito suggerimenti per la fase in corso e per quella della ripartenza.

28 aprile 2020

Alla riunione hanno preso parte: di mattina, a Belluno, anche il Prefetto,  il Segretario generale della Camera di commercio italiana in Francia a Marsiglia e il Direttore generale del nuovo Centro Estero Veneto; di pomeriggio, a Treviso, il Vescovo della Diocesi, il Prefetto, il Presidente della Camera di commercio italiana a Marsiglia e Direttore generale del Nuovo Centro Estero Veneto.

La presenza del Vescovo è servita per infondere serenità e fiducia, ricordare la centralità delle persone e sottolineare la necessità di collaborare e fare sistema.

I Prefetti hanno manifestato la loro preoccupazione per alcune scelte governative e per i rischi di protesta conseguenti, e si sono resi disponibili a partecipare ad altri tavoli di lavoro, auspicando il coinvolgimento anche dei rappresentanti del settore del credito. Hanno infine garantito di portare le istanze delle associazioni presenti nelle sedi opportune.

I vertici della Camera di commercio italiana per la Francia a Marsiglia nel fornire il quadro delle misure di sostegno introdotte in Francia (secondo partner commerciale dell’Italia), hanno garantito assistenza alle aziende italiane.

Il Direttore del Nuovo Centro Estero Veneto ha, tra l’altro, sottolineato la necessità di predisporre un vero e proprio piano industriale per la ripartenza, di mantenere vive le relazioni con i partner commerciali esteri e di valorizzare il patrimonio informativo a disposizione.

5 maggio 2020


La riunione è stata organizzata coi direttori e presidenti delle associazioni di categoria delle province di Treviso e Belluno sulle problematiche del credito e del rapporto con la banche, e ha visto la partecipazione del Prefetto e del Sindaco di Treviso, del Segretario della Commissione regionale ABI del Veneto e di altri esponenti del sistema bancario e dei confidi.
Scopo della riunione, promossa dal Prefetto è stato quello di mettere intorno al tavolo tutti i soggetti interessati alla problematica del difficile accesso al credito a fronte delle misure introdotte dal Governo per favorire la liquidità delle imprese.

Leggi la notizia

24 giugno 2020

Videoconferenza del 24 giugno


Il Prefetto di Treviso, dopo l’incontro degli inizi di maggio, in data 24 giugno 2020 ha organizzato, con la collaborazione della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, un’ulteriore riunione con le Associazioni di categoria della provincia di Treviso, l’Abi, le principali banche della Marca e l’Ordine dei Dottori commercialisti, per verificare lo stato delle erogazioni dei finanziamenti con garanzia statale, il superamento delle difficoltà iniziali nell’accesso a tali finanziamenti, la collaborazione da parte del sistema bancario e, contestualmente, scongiurare il pericolo delle infiltrazioni malavitose.

All’incontro, via web, i rappresentanti delle Associazioni e il Presidente dell’Ordine hanno confermato che, per i prestiti fino a 30.000 euro, l’erogazione avviene senza difficoltà e in tempi brevi, mentre per importi superiori permangono le criticità. Le banche, dal canto loro, hanno rappresentato la preoccupazione per il rischio di incorrere nel reato di anomala erogazione del credito. Necessario, è stato ribadito, non contare troppo sui finanziamenti per la ripresa delle attività, ma stendere piani industriali e di sviluppo che facciano leva sulla tecnologia e sull’innovazione.

Il Prefetto ha assicurato di far tesoro di tutte le informazioni ricevute (anche a livello statistico) e di farsi portavoce al Governo delle richieste dei partecipanti. Ha inoltre proposto un ulteriore incontro a settembre.

Il dr. Romano Tiozzo, Segretario generale della Camera di commercio, in occasione dei saluti iniziali ha manifestato la sua preoccupazione per le nuove regole europee in materia di classificazione dei debitori in default. Queste regole infatti sono più stringenti rispetto a quelle finora adottate dalle banche italiane e potrebbero trascinare molti crediti in sofferenza in una condizione di definitivo default, provocando il blocco di molti finanziamenti.