Il sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per la propria funzionalità. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy | Chiudi avviso

Home Page / NEWS

Riscossione delle sanzioni e rimborso  spese dei procedimenti sanzionatori a favore della Camera di Commercio di Treviso-Belluno

Utilizzo del modello f23

Con decorrenza dal 01.07.2020, la Camera di Commercio di Treviso-Belluno procede a riscuotere le somme in entrata a favore della Camera di Commercio stessa, relative ai pagamenti delle sanzioni amministrative e dei rimborsi delle spese di procedimento documentate, effettuati da parte degli obbligati mediante l'utilizzo del modello Agenzia delle Entrate F23,  codice predefinito ATVT

Con tale modalità di pagamento si rendono più semplici ed agevoli le operazioni di versamento poiché il modello Agenzia delle Entrate F23  è già utilizzato per la riscossione delle somme a carico dell'Erario.

Il sistema pagamenti, da parte degli obbligati, viene reso più razionale e consente ai soggetti sanzionati di effettuare una sola operazione per il versamento di quanto dovuto, in luogo delle due attuali e con strumenti diversi,  evitando così la duplicazione delle operazioni di pagamento.

 

Si fa presente che l'utilizzo della posta elettronica certificata per la notificazione degli atti sanzionatori è gratuita.  

Con la dichiarazione di elezione del domicilio speciale (ex art. 141 del Codice di Procedura Civile), i cui moduli sono reperibili nel sito della Camera di Commercio  https://www.tb.camcom.gov.it/content/14552/Modulistic/ViolazioniRIREA/, a cui si rinvia, gli obbligati possono richiedere che la notificazione degli atti sanzionatori venga effettuata mediante p.e.c. (art. 149 bis del Codice di Procedura Civile).   

I moduli compilati, sottoscritti e corredati di copia di un documento d'identità in corso di validità dei soggetti obbligati, dovranno essere  inoltrati alla pec della Camera di Commercio all'indirizzo: cciaa@pec.tb.camcom.it

L'utilizzo della domiciliazione, con richiesta di trasmissione degli atti sanzionatori ad un pubblico indirizzo p.e.c., evita l'onere del rimborso delle spese documentate per la notificazione degli atti sanzionatori mediante invio, ai soggetti sanzionati, di raccomandata A.G. per il tramite del servizio ordinario postale, alle tariffe in vigore.

*** (Notizia pubblicata il 06/08/2020) ***

Vuoi essere sempre informato sulle ultime novità della Camera di Commercio?

»   Iscriviti alla Newsletter!

Verifica le info su servizi, orari, iniziative nella sezione dedicata Emergenza Covid-19