Il sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per la propria funzionalità. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy | Chiudi avviso

Home Page / NEWS

Nota informativa della Provincia di Treviso

Sospensione dei termini nei procedimenti in atto

Decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 - Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19 

Prot. N°2020/0015925   | Treviso, 20/03/2020

 

Con il decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, sono state individuate alcune azioni finalizzate a far fronte alla situazione eccezionale che si è venuta a creare a seguito dell'emergenza sanitaria causata dalla diffusione del contagio da COVID-19 (coronavirus).

Si sottolinea in questa sede l'importanza, tra l'altro, di quanto disposto dall'art. 103, recante "Sospensione dei termini nei procedimenti amministrativi ed effetti degli atti amministrativi in scadenza”, e in particolare dai commi 1 e 2.

Il primo comma riguarda di fatto la sospensione dei termini dei procedimenti amministrativi attivati o in corso alla data del 23 febbraio scorso. Questo comporta per i procedimenti che normalmente si concludono con il silenzio-assenso (definito “silenzio
significativo” nel testo del decreto-legge) che possono considerarsi conclusi solamente una volta decorsi i termini previsti dalla normativa a cui deve essere aggiunto il periodo di sospensione tra il 23 febbraio e il 15 aprile 2020.

Nel caso fossero applicabili ragionevoli condizioni di urgenza, gli uffici cercheranno, nei limiti del possibile, di valutarli prima dello
spirare di tale scadenza, comunicando obbligatoriamente l'esito conclusivo dell'istruttoria con un atto espresso.

Si tratta dei seguenti procedimenti:

  • Comunicazione di modifica NON sostanziale di impianti soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) ex art. 29 nonies del D.Lgs. n. 152/2006 oppure ad Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) ex art. 6 del DPR n. 59/2013;
  • Comunicazione di modifica NON sostanziale di impianti che danno luogo a emissioni in atmosfera, ai sensi del comma 8 dell'art. 269 del D.Lgs. n. 152/2006;
  • Adesione all'autorizzazione generale alle emissioni in atmosfera, di cui all'art. 272 del D.Lgs. 152/2006;
  • Comunicazione in materia di rifiuti ai sensi degli artt. 215 e 216 del D.Lgs. n. 152/2006;
  • Comunicazione per il riutilizzo agronomico degli effluenti zootecnici e delle acque reflue, secondo l'art. 112 del D.Lgs. n. 152/2006 e correlata disciplina regionale;
  • Autorizzazione alla realizzazione di sonde geotermiche.


Oltre alla sospensione dei termini procedimentali, il comma 2 dispone che tutti gli atti, comprese le autorizzazioni, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, possono ritenersi prorogati ope legis fino al 15 giugno 2020.

Occorre a tal proposito evidenziare che, nel caso di impianti per il cui esercizio è prevista la prestazione di garanzie finanziarie a
favore della Provincia, l'efficacia di detta proroga è comunque subordinata alla relativa posposizione dei termini di validità delle garanzie stesse, attraverso la stipula di una nuova polizza o di una specifica appendice che ne estenda temporalmente la validità.
Si tratta, in via principale, degli impianti destinati alla gestione dei rifiuti in procedura sia ordinaria (soggetti ad AIA o all'art. 208 del D.Lgs. n. 152/2006), sia semplificata (soggetti a sola comunicazione o ad AUA).

 

Riferimenti normativi:
Decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17/03/2020

 

 

*** (Notizia pubblicata il 26/03/2020) ***

Vuoi essere sempre informato sulle ultime novità della Camera di Commercio?

»   Iscriviti alla Newsletter!

Verifica le info su servizi, orari, iniziative nella sezione dedicata Emergenza Covid-19